Condividi sul tuo profilo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to Google BookmarksSubmit to LinkedIn

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Quanta attività fisica per conservare la cartilagine?

Quanta attività fisica per conservare la cartilagine?

man running across the bridge

L’attività fisica si conferma con sempre maggiori evidenze scientifiche come uno dei segreti per una buona salute generale e per mantenere la funzionalità di muscoli, tendini e ossa. Ma, come spesso accade, anche in questo caso il concetto chiave è quello della giusta misura.

A livello tendineo, per esempio, un esercizio fisico regolare e moderato, aumenta il ricambio del collagene, rende le fibre più resistenti, migliora le potenzialità tensoelastiche e ha persino mostrato di agire positivamente sulle piccole infiammazioni; ma se si esagera, oltre ai sovraccarichi e ripetuti microtraumi, porta a una riduzione dell’apporto ematico, genera una situazione di anossia o sub-anossia in cui proliferano i radicali liberi che, come è noto, sono dannosi per le cellule.

Uno fra i più interessanti tra i contributi scientifici recenti riguarda però la cartilagine ed è stata presentata al meeting annuale della Radiological Society of North America (Rsna) tenuto lo scorso novembre a Chicago.

Con l’invecchiamento della popolazione, l’osteoartrosi di ginocchio sta diventando un serio problema globale se è vero, come affermano i Centers for disease control and prevention, che questa condizione colpisce un anziano di 85 anni su due e, entro il 2030, riguarderà 67 milioni di persone solo negli Stati Uniti.

In un precedente studio, i ricercatori della University of California di San Francisco avevano già evidenziato un’associazione tra l’attività fisica e la degenerazione della cartilagine e ora hanno approfondito la questione osservandone l’evoluzione in un gruppo di persone di mezza età lungo un periodo di quattro anni.

Le immagini ottenute con la risonanza magnetica permettono di rilevare le aree cartilaginee con più acqua e quindi lese, che hanno tempi di rilassamento trasversale T2 più lunghi. Con questa metodica, i ricercatori hanno analizzato le cartilagini di 205 adulti, dai 45 ai 60 anni, che avevano in precedenza partecipato a un’iniziativa di prevenzione e trattamento dell’osteoartrite di ginocchio messa in campo dal National Institutes of Health.

Ne è emerso che i soggetti abitualmente impegnati in attività fisiche intense, come la corsa, hanno un maggior grado di degenerazione delle cartilagini e sono quindi a maggior rischio di sviluppare osteoartrite.  Ma la sedentarietà non è una buona opzione, come conferma Thomas M. Link, il coordinatore dello studio: «quando abbiamo confrontato i dati fra i diversi gruppi di partecipanti, abbiamo evidenziato un aumento dei tempi T2 tra le persone maggiormente attive, ma lo stesso risultato si è avuto per coloro che hanno livelli di attività fisica particolarmente bassi; sembra che esista un livello ottimale di attività fisica in grado di preservare la cartilagine».

Come fanno notare gli autori dello studio, secondo le risonanze magnetiche standard i difetti cartilaginei appaiono irreversibili, ma i tempi di rilassamento T2 possono costituire un ottimo indicatore dei primi segni di degenerazione. «La cosa eccitante – riferisce il dottor Link – è che questo innovativo metodo di misurazione ci fornisce informazioni a livello biochimico e offre la possibilità di rilevare cambiamenti precoci che potrebbero essere ancora reversibili e prevenuti». Ed è ancora l’esercizio fisico, svolto però a intensità moderata, a costituire uno tra i più efficaci strumenti di prevenzione: nuotare o camminare, attività a basso impatto hanno un’azione benefica e contribuiscono a tenere sotto controllo l’obesità, un altro riconosciuto fattore di rischio per l’osteoartrosi di ginocchio.

fonte: http://www.orthoacademy.it/ginocchio/quanta-attivita-fisica-per-conservare-la-cartilagine/

Creato il 14/05/2013, 02:18
pregi-e-difetti-dell-ecografia-articolare-e-muscolo-tendineaPregi e difetti dell’ecografia articolare e muscolo-tendinea Quando è ragionevole ricorrere all’ecografia articolare e muscolo-tendinea? In quali...
Creato il 14/05/2013, 02:17
per-la-riabilitazione-bisogna-aspettarePer la riabilitazione bisogna aspettare? Dopo un intervento chirurgico per il recupero di una lesione tendinea, potrebbe essere necessario un...
Creato il 14/05/2013, 02:16
ginocchio-instabile-questione-di-geometriaGinocchio instabile? Questione di geometria Ad altissima prevalenza tra gli atleti e soprattutto tra le donne, le lesioni del legamento crociato...
Creato il 14/05/2013, 02:14
ingegneria-tissutale-e-trattamento-delle-lesioni-osteo-cartilaginee-stato-dell-arteIngegneria tissutale e trattamento delle lesioni osteo-cartilaginee: stato dell’arte G.M. Peretti e collaboratori riportano in un articolo apparso...
Creato il 14/05/2013, 02:12
artroscopia-per-le-lesioni-dell-astragaloArtroscopia per le lesioni dell’astragalo Uno studio retrospettivo, condotto in sinergia tra la Federazione calcistica catalana e due ospedali...
Creato il 14/05/2013, 02:11
chirurgia-d-anca-e-rischio-di-ictus-nei-pazienti-anzianiChirurgia d’anca e rischio di ictus nei pazienti anziani L’intervento di protesi totale d’anca aumenta notevolmente il rischio di ictus nelle...
Creato il 14/05/2013, 02:10
quanta-attivita-fisica-per-conservare-la-cartilagineQuanta attività fisica per conservare la cartilagine? L’attività fisica si conferma con sempre maggiori evidenze scientifiche come uno dei segreti...
Creato il 14/05/2013, 02:09
protesi-articolari-e-revisioni-in-forte-crescitaProtesi articolari e revisioni in forte crescita Nei prossimi anni in Italia dovrebbero aumentare gli interventi chirurgici di artroplastica...
Creato il 14/05/2013, 02:07
infarto-dopo-artroplastica-e-un-rischio-concretoInfarto dopo artroplastica: è un rischio concreto? Un aumento del rischio di infarto del miocardio come complicanza perioperatoria di interventi di...
Creato il 14/05/2013, 02:04
fattori-di-crescita-speranze-e-incognite-nel-trattamento-di-patologie-muscolo-scheletricheFattori di crescita: speranze e incognite nel trattamento di patologie muscolo-scheletriche In un articolo di Volpi et al., apparso sul Giornale...
Creato il 14/05/2013, 02:01
trapianto-di-condrociti-nelle-lesioni-cartilagineeTrapianto di condrociti nelle lesioni cartilaginee Le lesioni cartilaginee sono molto comuni nella popolazione, specie nei soggetti adulti e...
Creato il 14/05/2013, 01:58
il-meccanismo-di-rottura-del-legamento-crociatoIl meccanismo di rottura del legamento crociato La conoscenza dei meccanismi che portano alle lesioni del legamento crociato anteriore nella...
   

Recapiti e prenotazioni

Centro Medico "Sinthesys"
Somma Vesuviana (Na)
Tel. 0818993885

Studio Secondulfo 
Portici (NA)
Tel. 0813086227

Clinica Privata "Villa del Pino"
Napoli  
Tel. 0814430301 

Centro Medico “Salus 2000”
Vairano Scalo (CE)
Tel. 0823642222

Centro Medico “Intragna”
Mariglianella (NA)
Tel. 0813419920

 Cellulare 3337538227
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

   

News

MENISCO DISCOIDE TRATTAMENTO CHIRURGICO

Il menisco discoide è una anomalia congenita che consiste in una sua conformazione anomala. Normalmente i menischi hanno una forma a “C” che consente alle superfici ossee di tibia e femore di adattarsi al meglio reciprocamente. La condizione è presente dalla nascita e generalmente interessa il...

RICOSTRUZIONE DELLA CARTILAGINE CON MEMBRANA COLLAGENICA PER OSTEOCONDRITE DISSECANTE

L’osteocondrite dissecante causa la necrosi e quindi la morte di una zona di cartilagine e dell’osso sottostante con gravi conseguenze per l’articolazione colpita. Insorge di solito in età adolescenziale e i sintomi, inizialmente vaghi e transitori, spesso vengono confusi con banali artralgie e sottovalutati ma con...

PROTESI DI GINOCCHIO ANALLERGICA CON VITAMINA-E

L'intervento di Protesi al Ginocchio permette al Paziente con grave artrosi il recupero della funzione articolare e di conseguenza il miglioramento della propria qualità della vita. La Chirurgia protesica si è evoluta notevolmente negli ultimi anni garantendo un recupero più rapido e minor trauma chirurgico. Il...

MALALLINEAMENTO/LUSSAZIONE DELLA ROTULA : TRATTAMENTO CHIRURGICO

La condizione per cui la rotula non articola perfettamente con il femore e risulta deviata verso l'esterno con sofferenza della cartilagine viene definita “maltracking” oppure “mal-allineamento” o semplicemente “sindrome” femoro-rotulea. Questo accade anche negli esiti di lussazione di rotula dove risulta danneggiato il legamento patello-femorale mediale...

ARTROSCOPIA DI SPALLA RIPARAZIONE CUFFIA DEI ROTATORI

La rottura della cuffia dei rotatori è una patologia che compromette il funzionamento della spalla con limitazione funzionale e dolore sia durante i movimenti che a riposo, anche di notte. La riparazione viene eseguita in artroscopia con sutura della parte tendinea danneggiata e reinserzione sulla testa...

RIPARAZIONE CHIRURGICA DI ROTTURA DEL TENDINE DI ACHILLE + CELLULE STAMINALI

La rottura del tendine di Achille rappresenta una evenienza più frequente di quanto si creda negli atleti. In genere avviene in modo apparentemente spontaneo durante un salto o un atterraggio, uno sforzo massimale, una violenta contrazione del tricipite surale (muscolo del polpaccio). Alla base vi è quasi sempre un...

ARTROSCOPIA DI CAVIGLIA – TRAUMA SPORT

I Traumi distorsivi di caviglia sono tra i più frequenti infortuni nella pratica sportiva oltre che nella vita quotidiana. Le lesioni che ne possono scaturire sono varie e di differente gravità. Quando non trattati con tempestività possono portare a cronicizzazione con difficoltà a ritornare ai livelli...

   
© Copyright Tutti i diritti riservati